Agosto amore mio non ti conosco? (on Visto)

Dopo la quarantena arrivano le vacanze, un’altra incredibile prova per la coppia. È proprio così, le vacanze sono un passaggio significativo per le giovani coppie non tanto avvezze alla convivenza h24. 




Quando si va in vacanza è già stato organizzato tutto al meglio tranne una cosa: la possibilità che, tra i due della coppia, possa scoppiare una crisi. 

Sembra un paradosso eppure le giovani coppie che entrano in crisi durante le vacanze sono molte, soprattutto se per loro questa è la prima attesa esperienza di ferie insieme. Non sembra vero eppure gli aspetti che possono far colludere una coppia alla loro prima vacanza possono essere tanti.

Il problema nasce dalle aspettative che, dopo un anno di stress sul lavoro (quest’anno arricchito anche dal lockdown), dopo aver superato tutte le gestioni che si presentano nella vita la vacanza è vista come la giusta pausa, dove nutrire ogni bisogno. 

Non si vede l’ora di fuggire ma, quando il momento arriva, quasi tutti, anche i più giovani, partono appesantiti dalla stanchezza, tesi dalle pressioni lavorative, con un carico di emozioni stipate in maniera confusa dentro l’anima che non aspettano altro che il momento di venir fuori. 

Così arriva il passaggio netto dal più-dovere al più-piacere, l’attesa si fa spasmodica e non vengono prese in considerazione le possibili incomprensioni che possono emergere sempre, soprattutto se state affrontando la prima vacanza insieme.

In quel viaggio c’è riposto tutto ma può accadere qualcosa che lo renderà indigesto. L’amore non è sempre straordinario ci sono anche i lati oscuri che se non vengono ben gestiti possono portare a fraintendimenti importanti. Si crede che il sentimento non richieda impegno, che una volta accesa la fiammella dell’amore tutto vada avanti senza problemi, ma non è così l’amore va coltivato, protetto e alimentato costantemente, l’amore come la vita sono impegnativi, la vacanza dovrebbe ripagare dalle fatiche, ma anche questo spesso si rivela solo un sogno. 

Il punto su cui una giovane coppia ha bisogno di confrontarsi è la convivenza, ovvero la prova della quotidianità tanto desiderata ma che spesso mette a dura prova acuendo le tensioni che crescono in silenzio tra i partner, fino a scoppiare.

La “coesistenza forzata” può mettere a dura prova la coesione e la complicità della coppia.

Le coppie scoppiate a causa delle vacanze, soprattutto quelle alla loro prima esperienza perché coppie di fresca formazione, sono una percentuale molto alta, in virtù del fatto che la prima vacanza insieme è una sorta di primo scoglio da superare per le relazioni più recenti. Sembra davvero un paradosso ma in realtà è così. 

La domanda sorge spontanea: quale strana alchimia mettere all’interno di un viaggio perfetto se questo risulta essere la prima vacanza insieme?

Una coppia che funziona sin dall’inizia ha regole che sono dettate dalle emozioni, così la fusione tra i due partner è assoluta, tuttavia non bisogna scordarsi che in una coppia che funziona non c’è solo la legge del Noi bensì esiste anche la legge dell’Io-Tu.

Le individualità dei partner non devono essere dimenticate a vantaggio della fusione amorosa, ciò dopo la prima fase passionale potrebbe produrre uno sgretolamento della relazione. I partner hanno bisogno di mantenere le loro individualità protette pur nel vortice emotivo dell’amore. 

Così nell’organizzare una vacanza vincente (soprattutto se è la prima) bisogna tener presente del bisogno di entrambi, mantenendo per ciascuno la propria autonomia, il proprio spazio vitale, che devono essere rispettati e coltivati dai singoli partner, senza ingerenze.

La vita di coppia, soprattutto in vacanza richiede impegno, ciò è un aspetto da non dimenticare mai. 

Un altro punto importante per non colludere alla prima vacanza insieme è cercare il dialogo, provando a capire cosa c’è che non va e come muoversi per risolvere le cose. 

Prendersi del tempo per trovare il giusto equilibrio una volta arrivati a destinazione è essenziale per entrambi i partner, poiché ogni persona ha bisogno dei propri tempi per adattarsi al cambio di orari, di alimentazione e di abitudini. La scelta di condividere le cose è la più indicata purché sia nel pieno rispetto di entrambi. 

La confidenza in vacanza aiuta, se siete alla vostra prima esperienza e la confidenza non è poi così consolidata cercate di guardarvi con occhi diversi da come fate in città, ciò aiuta ad ampliare la comprensione reciproca, a scoprire i lati nascosti di ognuno di voi, a contattare quella parte tenuta protetta per paura di rimanere senza difese. 

Un consiglio assolutamente fondamentale è lasciare lo smartphone in camera per dedicarsi al partner senza rinchiudersi nella frenetica ricerca di news, sms, giochi, o Social. Questa vacanza è per voi due, lo smartphone può tranquillamente essere lasciato a riposo. 

Non dimenticate mai di sorridere e farvi coinvolgere dal buonumore. Vivere con leggerezza non significa essere superficiali. Ogni momento va vissuto come un dono speciale che state condividendo insieme e che diverrà parte dei vostri ricordi di coppia. Coltivate qualsiasi novità come fosse un’occasione da alimentare e far crescere. Il divertimento e le cose piacevoli possono nascondersi ovunque, a volte anche dietro un imprevisto.

Poi, cosa assolutamente importante è lo spazio dell’intimità. Scoprirsi anche sotto le lenzuola e cogliere al volo qualsiasi occasione per aumentare la sintonia di coppia porta quel qualcosa in più alla giovane relazione che sarà una buona riserva nei mesi futuri. Il sesso, si sa, in una coppia è assolutamente fondamentale. 

Il consiglio che avvolge una vacanza serena e tranquilla, nutritiva e soddisfacente è: non fate troppi piani, lasciatevi trasportare dagli eventi. L’unica regola è divertirsi tutto il resto costruitelo strada facendo. 

Buona vacanza sognatori … perché i sogni vanno sempre portati con sé!