Il grande cuore di noi Cancro

Sabrina Ferilli è pura femminilità made in Italy. Un concentrato di colori, odori, sapori, sfumature e declinazioni tipicamente mediterranee. Due occhi che bucano l’anima, ti toccano il cuore e accarezzano le tue emozioni.





Vincitrice di cinque Nastri d'argento, un Globo d'oro e sei Ciak d'oro; inoltre ha ricevuto quattro candidature al David di Donatello. Deve attendere il 1994, anno in cui sarà consacrata ufficialmente una diva del cinema con il film “La bella vita” di Paolo Virzì. Da lì è stato un susseguirsi continuo di successi e riconoscimenti. Non poteva che essere così, la sua determinazione e la sua disinvolta presenza arricchita da una bellezza perfetta hanno reso merito al suo talento.

Nel 2013 è stata una degli interpreti principali del film “La grande Bellezza” di Paolo Sorrentino, vincitore del Premio Oscar al miglior film in lingua straniera. Traguardi importanti che fanno di lei una star senza alcun cedimento. La sua è una carriera brillante, densa di successi, di pellicole importanti, di palcoscenici itineranti e significativi, di produzioni televisive di successo. È stata sposata con l'avvocato Andrea Perone dal 2003 al 2005; dal 2011 è sposata con il manager Flavio Cattaneo. È una donna molto riservata tanto che non mette sotto i riflettori la sua vita privata, bensì cerca sempre di proteggerla dai pettegolezzi, dagli scoop scandalistici e dal gossip che non sarebbe autentico ma potrebbe sgretolare anche la relazione più stabile.

Il 28 giugno spegnerà 57 candeline, nata sotto il segno del Cancro non solo è una delle attrici italiane più apprezzate, lei è una bellezza che va oltre l’aspetto estetico, la sua bellezza arriva dall’anima. Figlia di una madre casalinga e di un padre impiegato nell’allora Partito Comunista. Le radici familiari spiegano la passione politica della effervescente attrice, che non ha mai nascosto le sue preferenze politiche, così come l’amore viscerale per la magica Roma. È una donna dalle forme mediterranee praticamente perfette e dalla bellezza inusuale. Anche se lei afferma che: «La bellezza non può penalizzare nessuno… l'importante è capire che è una cifra che noi abbiamo e con la quale dobbiamo imparare a fare i conti. Se la bellezza diventa un aspetto fondamentale di una persona è negativa. Se invece la sai gestire diventa un vantaggio. È l'intelligenza che ci salva, sempre (fonte web)».

Dopo essersi liberata dal cliché della donna fatale, provocante, che fa impazzire gli uomini e ingelosire le donne, un nuovo palcoscenico si è svelato. Possiamo dire che è apprezzata particolarmente dal mondo femminile per la sua capacità autoironica e la voglia di mettersi in gioco senza recitare il ruolo della diva.

Non teme di mostrarsi via Social senza trucco, ci insegna che essere belle ha una variegata gamma di variabili che partono da dentro di sé per toccare il cuore e lo sguardo dell’altro. Lei, da poco approdata nel mondo di Instagram, ammette: «Non sono capace di fare niente (fonte web)».

L’abbiamo vista nella sua ultima fatica: “Svegliati amore mio” per la regia di Richy Tognazzi e Simona Izzo. Una serie intensa dove le emozioni si potevano toccare, lei, con la sua incredibile capacità artistica, è riuscita a tenere lo spettatore attaccato al televisore. Non potrebbe che essere così poiché dice: «Cerco di portare in scena dei personaggi che, anche sbagliando, risultino comunque concreti che credono in valori fondamentali, personaggi che magari si rispecchiano nella società e nelle sue professioni anche più umili (fonte web)».

Delicata, sentimentale, attraente e riservata, è molto determinata e testarda. Rispecchia il suo segno tant’è che la sua riservatezza le dà quel tocco di mistero che la rende ancor più affascinante e stuzzica l’interesse del suo nutrito pubblico. A volte appare così riservata da far pensare che sia scontrosa, tuttavia è solo una corazza che nasconde un carattere dolce e un’emotività irresistibile.

Come potrebbe interpretare ruoli appassionanti e coinvolgenti se non custodisse in sé un carattere dolce e un’emotività irresistibile?

Ogni sua interpretazione dalla più leggera alla più intensa sprigiona quel carattere evocativo che conduce all’interno di un mondo fatto di percezioni ed emozioni assolute. Anche se come afferma: «Sono pesante come un macigno, intransigente, pignola. Sul lavoro, in particolare, sono proprio insopportabile (fonte web)».

La sua capacità di entrare in empatia con gli altri favorisce il suo lavoro. Sabrina ha bisogno di sentirsi utile, di aiutare gli altri, tanto che ultimamente ha preso a cuore il dipendente di ArcerolMittal licenziato a seguito di un post su Facebook dove consigliava la fiction “Svegliati amore mio”, legandola al tema inquinamento ambientale.

L’attrice si era offerta di pagare le spese legali. La sua divertente autoironia l’ha resa una donna tutta da scoprire, tant’è che nel programma “Tu sì que vales”, è riuscita a sostenere gli scherzi, spesso perfidi, di Maria De Filippi in nome della loro grande amicizia. Così come si è commossa quando la sua amica Mara Venier l’ha chiamata per comunicarle che avrebbe nuovamente condotto Domenica In. Che dire la sua spontaneità, genuinità e capacità di condividere un successo con una cara amica non ha barriere e confini.

Una cosa va assolutamente riconosciuta a Sabrina la sua autenticità, il suo non nascondersi né sullo schermo, né fuori. Forse per questo che piace così tanto? Lei spesso ha dichiarato: «Non sono una persona facile. Sono difficile nella complessità della vita: non mi accontento, non mi piacciono i rapporti facili, non sono leggera (fonte web)».

Sembra una donna fragile, ma ne ha solo l’aria, perché in realtà è una donna forte, molto materna e generosa. È un’idealista, un’artista. Tanto che il suo amore per la recitazione arriva sin da quando era adolescente, poi i primi passi seppur avesse anche altre passioni. Il successo non arriva subito, ci sono stati dei no importanti che hanno inciso nella sua vita professionale anche se la testardaggine tipica del Cancro le ha dato la forza per non scoraggiarsi e continuare a inseguire il suo sogno. Cresciuta a Fiano Romano, voleva frequentare il centro sperimentale di cinematografia.

«Non mi hanno preso perché ero troppo italica (fonte web)» ha detto in un’intervista recente. All’epoca del suo ingresso nel mondo dello spettacolo bisognava avere un’immagine internazionale.

Eppure, lei ama il suo lavoro tanto che: «Il bello del mio mestiere è che è un mestiere libero. Dato che per me la tv è andata a recuperare un certo tipo di cinema, che una volta si faceva al cinema, per tutta una serie di motivi mi sono trovata a raccontare delle storie che una volta venivano raccontate al cinema e che oggi invece sono di interesse televisivo (fonte web)».

Sabrina Ferilli è sapore e atmosfera italiana in tutta la sua meravigliosa declinazione.








1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti