L'arte di saper "staccare la spina"

“L’estate addosso. Un anno è già passato. La spiaggia si è ristretta ancora un metro (…) Prima che il vento si porti via tutto. E che settembre ci porti una strana felicità. Pensando a cieli infuocati. Ai brevi amori infiniti. Respira questa libertà. L’estate e la libertà (Jovanotti)”. Canta così Jovanotti l’estate, quello spazio di tempo ristretto dove finalmente arriva la libertà, le vacanze sono lì pronte per dipanare giorni tranquilli in pieno relax, divertimento, leggerezza e spensieratezza. Eppure, dopo un anno di fatiche, di stress, di intenso lavoro, quando arrivi a toccare la sabbia, a respirare la brezza marina, a goderti i tuoi meritati 15 giorni di ferie, c’è qualcosa che almeno i primi giorni impedisce di sentirsi totalmente rilassati.




I pensieri, lo stress sembrano essersi assicurati un posto in valigia, hanno viaggiato arrivando con te nella località che hai scelto per goderti un po' di libertà. Tutto, all’inizio, è faticoso. 

Riposi con fatica, sei nervoso, non riesci a staccare il pensiero dal lavoro e poi lo smartphone suona di continuo tanto che sei costretto a metterlo silenzioso. 

I primi giorni volano veloci mentre tu aspetti di goderti un meritato riposo. Eppure, ti eri imposto di rilassarti.

L’ora di “staccare la spina” e concedersi il meritato relax è più facile a dirsi che a farsi. Perché? L’abbiamo sognata tutto l’anno, quando arriva siamo più stressati che mai? 

È possibile che subentri la paura del vuoto anche di fatto la vacanza si preannuncia densa di impegni.  Lunghi voli transoceanici, vacanze in luoghi impervi o impegnativi dal punto di vista della vita sociale, agende di vacanze fatte di 4/5 posti diversi, in un turbinio di impegni, incontri, dover essere. Insomma, una serie di fatiche che tutto hanno meno che l’idea di relax spiaggiato sotto l’ombrellone a sorseggiare una bibita fresca. 

Ci sarà pure una maniera per gestire lo stress da vacanza? Di certo non serve trovare mille scusanti per rifugiarsi nel lavoro anche quando suona l’ora delle meritate ferie. 

La spina dal lavoro e dallo stress della vita si può davvero staccare?  È possibile godersi una meritata vacanza senza sentire la pesantezza e l’irrequietezza nei primi giorni?

Possibile, importante saper gestire lo stress da vacanza e soprattutto da vuoto lavorativo. L’adrenalina che si sprigiona durante la stagione lavorativa permette di fronteggiare ogni fatica, intoppo lavorativo, problema, con determinazione e grinta, così una sfida dopo l’altra si susseguono nella quotidianità, poi, arrivano le ferie e c’è il crollo totale di questo meraviglioso ormone che ha le sue regole. 

Non si deve pensare alla vacanza come a un’agenda piena di impegni, scadenze e mete da raggiungere a ogni costo. La vacanza deve essere costruita e progettata all’interno di parametri essenziali che posso garantire il riposo, lo scacco della mente dai problemi di lavoro e dalle inquietudini della vita. 

La parola d’ordine per una buona e soddisfacente vacanza è: riposare, fare attività fisica e dedicare tempo ai rapporti umani. Tutto il resto può attendere.

Per godere al meglio di due settimane rigeneranti possiamo seguire delle semplici regole che, se messe in pratica, rendono tutto più gestibile e non lasciano soffocare i momenti di quiete. 

7 consigli che aiuteranno a cambiare prospettiva e a godersi le vacanze.

  • Ricordatevi sempre che: “se te lo concedi puoi rinunciarci se non te lo concedi sarà irrinunciabile”, per cui datevi un tempo definito dove penserete solo al lavoro. Ad esempio, al mattino, dopo aver fatto colazione, fate una mezzora di passeggiata tuffandovi nei problemi lavorativi, affrontate tutti i pensieri che vi rimandano alla vostra vita quotidiana, poi passata la mezzora archiviate tutto e dedicatevi al vostro totale relax. Riprenderete a pensarci il giorno dopo all’interno del tempo che avete definito.

  • Prima di partire lasciate gli abiti e gli attrezzi “da lavoro” appesi nel guardaroba di casa vostra o ben riposti nella vostra scrivania. Portarsi dietro ciò che serve per il resto dell’anno non serve, la vacanza è fatta per “attrezzi” differenti che sono collocati nello spazio del divertimento. Spesso le intuizioni più creative e funzionali arrivano proprio quando si depongono tutte le armi del proprio mestiere. Creatività innanzi tutto.

  • Per una vacanza assolutamente da ricordare il suggerimento è cambiare. Sperimentare nuovi posti, luoghi sconosciuti, amicizie differenti aiuta a non cadere nella monotonia da vacanza che impedisce di sprigionare la voglia di lasciarsi andare. Misurarsi con contesti e persone diverse è utile: la forza che arriva dal fare esperienze nuove, differenti da quelle di tutti i giorni sarà una linfa vitale nel periodo invernale quando dovrete attingere a tutte le vostre energie per dare il meglio di voi nel lavoro.

  • La vacanza può essere un periodo sufficientemente adeguato a prendersi cura di sé e rimettersi in forma. Non ci sono più scuse, il tempo si può riempire di cose salutari, di sport, di svago che fa bene al cuore, al fisico e all’anima. Il rientro in città sarà più soddisfacente.

  • In vacanza è importante non dimenticarsi mai della propria parte bambina. Anche se siamo adulti, manager affermati, liberi professionisti di successo l’estate è il momento più adatto per recuperare la leggerezza e l’entusiasmo della nostra parte bambina. È importante farci contatto per recuperare, per toglierci di dosso la pesantezza che a volte il ruolo sociale impone.

  • L’aspetto più significativo durante la vacanza è ringraziare e accogliere la noia come una perfetta compagna di viaggio. Spiaggiarsi sotto un ombrellone, distendersi in un prato verde in montagna, immergersi nelle acque termali senza fare e senza pensare a nulla facendosi avvolgere dallo strano torpore del fannullone rigenera tutte le cellule riportando in equilibrio anima e corpo.

  • La cosa assolutamente fondamentale è organizzare al meglio non solo la partenza ma anche il rientro. Nulla deve essere lasciato al caso.

Per finire … buona vacanza!



2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti