La foresta sottomarina

Siamo abituati alla frase cult del film Notting Hill: “Surreale, ma bello”, tuttavia, nel nostro pianeta qualcosa di “surreale, ma bello” sta accadendo. Una foresta sottomarina con tanto di alberi, idoli, statue organiche che presto verranno colonizzate da alghe, coralli e animali marini è stata creata nel mare di Cipro dall’artista visionario: Jason deCaires Taylor.





Un’impresa non di facile fattura considerando che il tutto si dipana come una perfetta tela armonica nelle profondità marine all’interno della riserva naturale di Ayia Napa.

L’artista, capace di dar vita a itinerari particolarmente avvincenti, dove l’acqua è l’elemento portante della sua atmosfera artistica, tanto da creare musei e giardini nel mondo si è cimentato in questa avventura dal sapore generoso e denso di curiosità. Chissà se Jason è un appassionato lettore di “Ventimila leghe sotto i mari” o “Il sottomarino fantasma”? Tuttavia, nel suo lavoro, emerge la passione per il mare all’interno di un’architettura che si apre a un nuovo possibile.

Opera d’arte dopo opera d’arte nasce, dalla sua fervida fantasia, una nuova sfida: un’impresa sommersa che sarà una calamita per tutti coloro che vorranno ammirarla. Tuttavia, chi volesse scorgere la bellezza della sua creativa dovrà necessariamente immergersi nelle acque cristalline che si trovano a 200 metri della spiaggia di Pernera, dove sono adagiate nel fondo del mare 93 sculture, perfette per essere ammirate non solo dai sub o dagli apneisti, ma anche da chi fa comunemente snorkeling. Inoltre, nel fondale marino sono stati piantati «una serie di alberi organici scolpiti, attraverso cui si creerà la prima foresta sottomarina del mondo. Un simbolo per migliorare la storia della nuova zona marina protetta di Ayia Napa, pur riconoscendo le pratiche di deforestazione del passato, evidenziando come un intervento umano positivo negli oceani possa plasmare un futuro più sostenibile e produttivo», dice Jason deCaires Taylor.

Di certo è cosa assai curiosa ma l’artista spiega questa poderosa impresa affermando che: «L’obiettivo creativo è creare un legame senza soluzione di continuità tra la terra e l’oceano, unendo due meraviglie disparate, una creata dall’uomo e una progettata dalla natura. Sviluppare un portale per il regno sottomarino che offra ai visitatori incontri effimeri con la bellezza naturale sotto la superficie dell'acqua, offrendo un'esperienza ultraterrena che illustri la connettività dell’uomo con la natura, una forma organica ibrida in armonia con l'ambiente circostante».

C’è da chiedersi se l’ispirazione che ha portato l’artista a realizzare la sua foresta sottomarina non sia stata stimolata dallo spettacolare fondale, distante 16 km dalle coste dell’Alabama, rimasto a lungo segreto, scoperto da un pescatore e condiviso unicamente con altri abitanti del luogo fintantoché non è stato svelato a Ben Raines. La scoperta di questa foresta marina ha messo in luce un mondo nel mondo, infatti le radici e parte dei cipressi sommersi hanno resistito per millenni sott’acqua. Ciò detto l’opera dell’artista Jason deCaires Taylor è senza dubbio curiosa e originale.


1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti