Lei bellissima, lui brutto

Aggiornato il: 15 ott 2020

Perché una donna bellissima s’innamora di un uomo brutto? È davvero possibile? Può bastare l’intelligenza a far innamorare follemente?


Accade di incontrare coppie che allo sguardo appaiono squilibrate. Disarmoniche. Eppure sono coppie che, a differenza di molte altre, vivono insieme e hanno un equilibrio invidiabile. “Non è bello ciò che bello ma è bello ciò che piace!”. Ogni persona ha il suo fascino. Basta trovarlo e avere la pazienza di scoprirlo. Lei una bellezza mozzafiato. Fisico perfetto. Occhi da cerbiatta. Accattivante. Tutti si girano. La osservano. La invidiano. Insomma la donna dei sogni. Lui il classico “tipo”, perché di più non si può dire. In realtà è “bruttino” il giusto. Insignificante. Nessuno l’avrebbe notato se fosse stato da solo. È il classico uomo che alle feste del liceo è invitato solo perché tanto simpatico. Le giustificazioni allo squilibrio evidente possono essere infinite. È importante sapere che la bellezza è in assoluto un fatto soggettivo. Attualmente siamo incastonati in status estetici stereotipati che non soddisfano alcune donne. Al cuor non si comanda. In amore vincono aspetti soggettivi che non richiamano l’oggettività dei canoni estetici. Un uomo bruttissimo può in assoluto far innamorare una donna bellissima. Le cronache di gossip, e non solo, possono aiutarci nel proporre coppie all’apparenza sbilanciate. Eppu- re sono coppie innamorate e felici. Anche la letteratura narra di coppie particolari. Lui affascinante. Lei bellissima. La favola de La Bella e la Bestia. Lui nasconde in sé qualcosa di assolutamente speciale. L’imperfezione è molto più intrigante della perfezione. La bellezza sta nel cogliere l’imperfezione dell’Altro come essenza di unicità. Un uomo può non essere di bell’aspetto. Può non avere l’addome tartarugato. Il capello ondulato e folto. Gli occhi azzurri. Lo sguardo penetrante. Eppure ha la capacità di creare un’atmosfera magica. Il suo savoir faire lo rende affascinante. È gentile. Crea situazioni calde e accoglienti. Fa sentire al sicuro. È attraente. Irresistibile. La sua intelligenza è bellezza inafferrabile. Intriga. Attira. Seduce. Cattura. Fa innamorare follemente. Così quell’uomo bruttino diventa l’uomo più affascinante del pianeta. Ci sono donne bellissime che hanno fatto di tutto per catturare l’attenzione e l’affetto di uomini dalla fisicità insignificante. Lo rincorrono. Dichiarano il loro amore. Affronterebbero le prove più intense pur di avere il suo amore. È importante sfatare la credenza che necessariamente dietro all’uomo brutto ci sia ricchezza, simpatia e possibilità di col- locarsi in un’ottima posizione sociale. Ci sono situazioni laddove mancano queste sicurezze eppure le donne s’innamorano di quell’intelligenza disarmante. Pensiamo al grande amore tra John Forbes Nash, oltre a essere bruttarello aveva anche una patologia psichiatrica importante, eppure la mo- glie, bella e innamorata, le sta accanto durante tutta la sua vita. La frase che lui pronuncia al ricevimento del Nobel fa comprendere l’amore che da sempre li unisce: “È soltanto nelle misteriose equazioni dell’amore che si può trovare ogni ragione logica. Io sono qui stasera solo grazie a te. Tu sei la ragione per cui io esisto. Tu sei tutte le mie ragioni. Grazie”. L’uomo brutto di solito è un uomo dall’intelligenza disarmante. È proprio questa caratteristica non visibile esteriormente che crea nella donna un terreno fertile verso l’innamoramento. Quando l’amore prende la testa più che il cuore diviene irresistibile. A questa intelligenza avvincente, a volte, si uniscono posizioni economiche finanziarie importanti e che dire l’alchimia è perfetta! Cosa piace alla donna dell’uomo bruttarello:

Intelligenza: è in assoluto la caratteristica principale


Carattere: la capacità dell’uomo di creare un clima rassicurante, protettivo, sicuro

Savoir faire: capacità di sedurre e affascinare la donna


Stabilità emotiva Voglia di costruire un progetto per il futuro Costante stimolo di pensiero

Questi ingredienti rendono un uomo irresistibile. Per la donna che cerca l’intrigo di testa è un omogenizzato perfetto che contiene tutto ciò che la rende soddisfatta e nutrita.

Il consiglio: creare dal nulla Immagina cosa noteresti di diverso se a un certo punto come per magia tutto è cambiato: come se il problema non ci fosse mai stato. Che cosa ti darebbe conferma che qualcosa è cambiato? Cosa penseresti? Cosa faresti? Come sarebbe la sua vita? Quali elementi e eventi vivresti nella tua esistenza che ti darebbero la percezione e la sensazione che qualcosa è davvero cambiato? Permette di portare alla consapevolezza le aspettative, i bisogni e i progetti. Aiuta a promuovere un primo abbozzo verso la meta desiderata.

Lettura consigliata: L’imperfetto amante di E. Torelli Viollier


Film consigliato: Il principe abusivo di Alessandro Siani

Motto: Se te lo concedi puoi rinunciare se non te lo concedi sarà irrinunciabile.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti