Quanto ti costa dire "ti ho tradito" (on Visto)

“Adesso cosa faccio: confesso o tengo tutto per me?”. 

Il dilemma che cade addosso come un macigno nel momento in cui la rete del tradimento avvolge in una fitta nebbia di incertezza. In amore, si sa, può accadere l’inciampo imprevisto e poi arriva il senso di colpa che rende tutto soffocante. L’infedeltà in amore è cosa molto comune, anche se, dovrebbe non accadere, ma ahimè accade fin troppo spesso!




Oggi intrappolarsi in situazioni parallele è ancora più semplice con la complicità dei Social, delle chat, dei siti di incontro. C’è una sottile ragnatela di tentazioni cui è difficile resistere. Così un individuo si lascia coinvolgere dalla novità, dalla seduttività delle parole, dalla personalità costruita dell’altro(a) e lo scivolone arriva senza troppa attesa.  

La persona che vive una relazione significativa, un matrimonio o una convivenza, dovrebbe costruire il rapporto con l’altro(a) sulla fiducia reciproca e la fedeltà. Laddove, accade qualcosa che porta a infrangere la fiducia per una debolezza del(la) partner, arriva l’interrogativo amletico “di dire o non dire”, “confessare o non confessare”.  

Non sempre la miglior cosa è confessare, le variabili sulla trasparenza sono molteplici, non sempre una relazione è pronta a ricevere una notizia così densa di emozioni intense, anche se è difficilissimo farla franca, poiché il cambiamento che induce una variazione alla normale routine si coglie subito. Le donne in questo sono fantastiche, riescono a percepire tutto in un solo momento, basta uno sguardo, un comportamento, una frase che il traditore è svelato. 

Le relazioni spesso attraversano momenti di stanchezza, di noia, di pesantezza, la caduta libera in un vortice di atmosfera erotica stimolante è dietro l’angolo, così il pasticcio si attualizza e la relazione che dura da tempo ha un forte scossone. 

I sensi di colpa diventano ingestibili, la voglia di continuare a rubare qualche ora di ebrezza erotica si fa così intensa da diventare ingestibile, bugie su bugie iniziano a diventare un normale quotidiano. Tutto sta prendendo un viatico da cui è difficile tornare indietro. 

Dopo la prima caduta libera nel letto dell’infedeltà si perde anche quel briciolo di comunicazione che ancora teneva in piedi la relazione stabile. 

La comunicazione, lo leggiamo ovunque e lo sentiamo ripetere in ogni dove, in un rapporto d’amore è fondamentale. I segreti contribuiscono a creare sospesi che non fanno bene alla coppia. I sospesi allontanano, con il tempo creano voragini, rendono distanti l’uno dall’altra e la ricerca di un momento di evasione si fa sempre più forte. 

Allora cosa fare? Confessare è meglio che nascondere? Oppure nascondere protegge di più da dover ritrovarsi in una situazione di difficile gestione? 

“Non accadrà più”, “è stato uno sbaglio”, “non so come sia potuto accadere”, “sono innamorato(a)”, sono le frasi che il(la) traditore si ripete trovando una giustificazione al suo operato. 

Non dimentichiamoci che tradire la fiducia del(la) partner non è cosa da nulla. Decidere se confessare o meno è arduo ancor di più lo è decidere se perdonare o meno. Confessare è un atto egoistico, così la coscienza si libera dal peso, si riinizia tutto daccapo. Non è proprio così. 

C’è chi ritiene che un’avventura non sia sinonimo di crisi, ma se la coppia è solida e stimolante non c’è alcun bisogno di rivolgersi ad altro. Chi si avvicina a persone nuove ha il bisogno di nutrire una parte insoddisfatta, che non trova nutrimento in ciò che possiede. 

C’è anche chi ritiene che affrontare l’infedeltà possa portare alla coppia un nuovo idillio. 

L’infedeltà nel mondo dei Vip non è così rara. Una separazione che fece scalpore fu quella tra Demi Moore e Ashton Kutcher. Il loro matrimonio fu costellato di tradimenti da parte di lui, ma quello che fece scattare il divorzio accadde la vigilia del settimo anniversario della coppia, quando Ashton Kutcher trascorse la notte in hotel in compagnia di 4 ragazze. Non si è fatto proprio mancare nulla!

È noto a tutti lo scandalo che travolse Sienna Miller e Jude Law, coppia affiatata e in sentore di matrimonio. Alla povera Sienna si spezzò il cuore quando scoprì che Jude la tradiva con la babysitter dei suoi figli.

Non è stata risparmiata neppure Sarah Jessica Parker che ha dovuto affrontare le stesse paure di Carrie Bradshaw. Matthew Broderick, infatti, la tradì con una ragazza più giovane di lei. Sarah ha perdonato il tradimento, forse la sua storia con Big in Sex and The City l’ha aiutata a comprendere che se si vuole si può andare oltre.

Stessa cosa per la coppia d’oro britannica che ha attraversato i suoi momenti di crisi. Nel 2004 David Beckham tradì Victoria con la sua assistente (e non solo!), ma fu perdonato. 

Di recente i Magazine riportano il tradimento di Stefano de Martino ai danni della bella Belen. Già una volta si sono separati a causa di un altro tradimento, poi tornati insieme, ma qualcosa non deve aver funzionato se ancora una volta sono ricaduti nella stessa dinamica.

Tuttavia, dopo un tradimento, si tende a negare sempre!

Qual è la scelta migliore? Confessare o no?

Se è una semplice caduta di stile la confessione può aprire la strada per cementare ancora di più il rapporto di coppia. Se è un’abitudine ripetitiva meglio interrogarsi su ciò che davvero si vuole, se la coppia dove si vive è davvero arrivata al capolinea e così via. Il tradimento ripetuto in maniera costante è sintomo di qualcosa che non funziona a differenza dell’inciampo.

Confessando si apre un’altra situazione non meno impegnativa: il perdono. Passaggio importante se si vuole continuare nella stessa direzione di coppia.

È fuor di dubbio che il tradimento non è una cosa da prendere alla leggera. 

I sentimenti non hanno un codice etico di comportamento adatto a tutte le situazioni, l’unica regola, essenziale per un buon rapporto di coppia, è di essere sinceri almeno con sé stessi, e domandarsi “perché ho avuto bisogno di tradire?”, “cosa mi rende insoddisfatto(a)?”, “Cosa voglio dalla mia relazione?”.

Ad ognuno la sua risposta. Il consiglio: una volta che l’inciampo è accaduto non perdete l’occasione di comprendere il vero motivo che ha spinto verso questa divagazione. Conoscerne il motivo aiuterà a comprendere i propri bisogni.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti